IMPORTANTISSIMO (dalla fanza n.26 del Marzo 1995)

dalla fanza n.26 Marzo 1995

Questo discorso è molto importante perché, secondo noi, in molti giovani vanno scomparendo addirittura le basi di una mentalità Fossa. Dico “basi di una mentalità” perché mentalità Fossa è una cosa così complessa che anche tra i vecchi esistono leggere differenza di mentalità, ma le basi sono e devono essere irremovibili.
Quali sono queste basi?
Con il miglioramento della squadra è aumentato l’attaccamento alla squadra ed è calato quello al gruppo Fossa. Quindi automaticamente il tifo cresce quando c’è la bella azione e cala appena si perde palla, questo non è “ORGOGLIO FORTITUDO” che molti cantano ma non hanno. Quando per 2 anni ci siamo salvati da una retrocessione in serie “B” all’ultima giornata la Fossa tifava tutta la partita perché si perdeva in campo ma nonostante tutto sugli spalti abbiamo vinto tutte le nostre partite, la partita della Fossa non è in campo!

Troppe volte ci si perde a criticare un giocatore che gioca male o sbaglia un tiro invece di tifare fino alla fine. Poi la squadra si segue ovunque, ma non in macchina da vero virtussino, ma si segue con il gruppo! Il materiale della “Fossa” non bisognerebbe comprarlo perché è bello ma si compera e si indossa perché uno della “Fossa” deve essere orgoglioso di mostrare a tutti la propria appartenenza. Sapendo che i soldi incassati dalla Fossa vengono investiti in coreografie ed in finanziamenti per diminuire le spese di trasferte, soprattutto le lunghe ed in Europa (mai più di 100.000 con il biglietto o 300.000 a Istanbul con aereo, albergo, ed entrata al palazzo) tenendo i costi veramente bassi.

Se la gente diminuisce l’acquisto del nostro materiale automaticamente caleranno agevolazioni e coreografie. Grazie a queste entrate non abbiamo mai avuto bisogno di chiedere soldi alla società (cosa che i virtussini fanno puntualmente).

In curva si sta con la sciarpa della FOSSA al collo e si fa coreografia con le mani battendole sopra la testa (prendere come esempio i greci).

In trasferta ci si muove in gruppo, si entra dentro i palazzi tutti insieme.

Un consiglio per i giovani che fanno fatica ad entrare nel gruppo: non perderti d’animo e fatti notare. In trasferta è un’ottima scusa per conoscerci e per darci una mano.

ABBIAMO BISOGNO ANCHE DI TE.

Ricordatevi cantare aiuta la squadra a superare i momenti difficili. Cantare quando la squadra fa il break a proprio favore non serve a niente. A quel punto i giocatori sono già carichi ed è proprio il momento che avrebbero meno bisogno del nostro aiuto.

Se la partita è già persa si canta per confermare che la Fossa è la tifoseria migliore d’Italia. NON FACCIAMO I VIRTUSSINI.

Lo striscione Fossa è il nostro punto di riferimento. Dov’è lo striscione noi dobbiamo starci sopra e difenderlo fino alla morte. Senza di lui non si va a casa.

Questi sono alcuni punti fondamentali, frequentandoci ne imparerai altri e quando ci conosceremo meglio potrai prendere parte alle nostre riunioni settimanali e dare il tuo contributo. A proposito la mattina prima della partita si montano gli striscioni.

FORZA RAGAZZI, CARICHI

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.